Child Theme di WordPress

child-theme Molto spesso si sente parlare di questi fantomatici “child theme” di WordPress, ma cosa sono esattamente?

Sono dei Temi/Template di WordPress figli, che ereditano delle funzionalità di un altro tema che fa da padre. E’ un sistema comodo e semplice per poter modificare l’aspetto del tema principale senza sovrascrivere i file originali, preservando quindi quello che era l’origine.

Funzionalità molto utile nel caso di intenda tenere sempre aggiornato il tema padre.

In questo breve articolo vi spiegherò come creare un child theme di WordPress, soluzione molto semplice da realizzare utilizzando un qualsiasi client FTP (software disponibile sia per MAC che per PC che vi consente di accedere ai file del vostro sito in wordpress).

Una volta eseguito l’accesso alla root (cartella principale) del vostro sito, entrare nella cartella di riferimento dei template che potete trovare al seguente percorso:

/wp-content/themes/

Arrivati nella cartella principale dei template dovreste aver identificato il tema padre, ricordatevelo bene.

Ora è il momento di creare nella cartella themes la cartella del vostro tema figlio che potete chiamare per esempio: nometemapadre-child

Il nome della cartella non ha grande importanza, ma vi deve ricordare che è il vostro tema nel caso aveste bisogno di entrare nuovamente dei file del vostro sito.

Una volta creata la vostra cartella, all’interno di questa cartella dovrete creare assolutamente il file
style.css all’interno del quale dovrete inserire le informazioni che aiuteranno wordpress a capire innanzitutto che questo è un tema e che fa riferimento ad un tema padre semplicemente inserendo all’interno del file questo testo:


/*
Theme Name: Nome del Vostro Tema
Theme URI: http://www.nomedominiotema.it
Description: Descrizione del Tema
Author: Il nome dell'autore di questo tema figlio
Author URI: http://www.dominioautore.it
Template: nometemapadre
Version: 1.0.0
*/

@import url(“../nomecartellapadre/style.css”);

/* =Theme customization starts here
————————————————————– */

child-themeCome avrete notato, alla fine di questo codice compare una riga “import” che si occupa di importare le funzionalità del vostro tema padre semplicemente indicando il percorso del file style.css del vostro tema padre.
Vi raccomando di seguire la sintassi in maniera corretta, pena la non lettura del tema da parte di wordpress.

Ecco, ora siete pronti ad utilizzare il vostro tema figlio, che in questa situazione sarà esattamente la copia del vostro tema padre.

Entrando in aspetto-> temi, dell’area admin di wordpress del vostro sito vi accorgerete, se avete eseguito correttamente le istruzioni che sarà comparso un nuovo tema che si chiamerà come voi lo avete nominato all’interno del vostro file style.css

Una volta attivato il tema potrete personalizzarlo a vostro piacimento inserendo in style.css tutte le modifiche grafiche a livello css. E’ possibile eseguire anche altre personalizzazioni del core del vostro tema padre andando a creare nella cartella figlio una copia del file che volete personalizzare (per esempio single.php).

[wp_ad_camp_1]

Ricordo che le regole del tema figlio che vengono scritte nei vostri file all’interno della cartella figlio che avete creato andranno a sovrascrivere quelle del tema padre, ad eccezzione del file functions.php che sarà solo un’aggiunta.

Questa è solo una semplice introduzione al mondo dei child theme, vi ricordiamo che in casi in cui la modifica del vostro template richieda un intervento tecnico di appoggiarvi sempre ai professionisti, ove possibile.

Fatemi sapere se questa guida vi è stata utile lasciando un commento!

 

WORDPRESS: Mostrare una parte di articolo o pagina SOLO agli utenti registrati

siti web trento permalinkVi è mai capitata la necessità di nascondere una parte di contenuto che sia accessibile solo agli utenti registrati? Siete andati alla ricerca di plugin molto spesso complessi che vi permettevano solo di nascondere solo totalmente una pagina o un articolo del vostro blog?

Vi suggeriamo qui di seguito una soluzione molto semplice ed efficace da inserire nel vostro file di template functions.php di cui abbiamo già parlato in occasione di altre personalizzazioni (vedi per esempio qui)

Questa semplice funzione vi permetterà, grazie all’uso di un comodo tag di mostrare una parte del vostro contenuto di pagina o articolo ai soli utenti registrati.

Un esempio potrebbe essere quello di mettere a disposizione dei link particolari (es. download) di materiale che presentate in quella specifica pagina solo previa registrazione.

[wp_ad_camp_1]

La procedura è molto semplice:

1) Nel vostro file functions.php del template in uso dal vostro blog inserite


function member_check_shortcode($atts, $content = null) {
if (is_user_logged_in() && !is_null($content) && !is_feed()) {
return do_shortcode($content);
}
return 'Accesso Riservato! ISCRIVITI o ACCEDI';
}
add_shortcode('member', 'member_check_shortcode');

per chi non conosce la posizione si trova in:
/root-sito/wp-ontent/themes/NOMETEMA/functions.php

2) una volta inserita la vostra nuova funzione andate nella pagina dove volete nascondere la parte di testo ai soli utenti registrati e inserire tra i tag [member][/member] il contenuto desiderato come per esempio:


[member]CONTENUTO VISIBILE AI SOLI ISCRITTI[/member]

Per gestire invece in maniera semplice la registrazione ed il login dei vostri utenti direttamente dal vostro sito web, vi possiamo consigliare l’uso del plugin WP-members

Fateci sapere se questo articolo vi è stato utile!

Disattivare aggiornamenti plugin wordpress

Per chi come me si diverte a personalizzare plugin wordpress già esistenti perchè magari molto spesso non fatto completamente quello che desideriamo, capita spesso che si abbia la necessità di “ricordarsi” che quel plugin una volta customizzano non si debba aggiornare.

Solitamente si cerca di fare il possibile per evitare che si esegua l’aggiornamento magari inserendo nelle note nel plugin, oppure semplicemente comunicando al cliente che NON DEVE ASSOLUTAMENTE eseguire l’aggiornamento nel caso compaia il fatidico messaggio.

C’è un modo però più “sicuro” se vogliamo chiamarlo così, per evitare che compaia proprio l’eventuale messaggio di possibile aggiornamento.

Esistono nel web moltissimi plugin che permettono di disattivare gli aggiornamenti ai plugin però spesso non permettono di bloccare l’aggiornamento SOLO AD UNO SINGOLO. Anche perchè a volte basta effettivamente bloccare solo quel singolo plugin che vi siete ritrovati a modificare per forza di cose.

Bloccare quindi quel solo particolare plugin è molto semplice e si esegue inserendo delle semplici righe di codice all’interno del file “functions.php” del vostro template wordpress.


function filter_plugin_updates( $value ) {
unset( $value->response['nome-cartella-plugin/file-principale-plugin.php'] );
return $value;
}
add_filter( 'site_transient_update_plugins', 'filter_plugin_updates' );

Nel campo che io ho chiamato nome-cartella-plugin va inserito il nome della cartella del plugin.
Mentre nel campo file-principale-plugin va inserito il nome del file principale del plugin.
In plugin più semplici di solito hanno un solo file, mentre per quelli più avanzati potrebbero esserci più file.
Dalla mia esperienza però molto spesso il nome del file principale è uguale a quello della cartella. Non vi resta quindi che provare ad inserire questi campi la prima volta che noterete un aggiornamento del plugin e verificare che il messaggio di “aggiornamento disponibile” scompare.

Ovviamente se dovete aggiungere più plugin alla lista, basterà duplicare la riga unset e ripetere l’operazione.

Vi è stato utile questo articolo? Avete utilizzato la funzione? Fammelo sapere lasciando un commento o condividendo questo articolo con i tuoi amici.