Aganis: chi, cosa, perchè




aganis
Il significato di una parola o di una frase può riservare molto spesso nelle curiosità, non so per quale motivo realmente mi sia venuto in mente questo nome quando è stato il momento di scegliere il nome della mia azienda ma aveva qualcosa di "magico" e "mistico" allo stesso tempo.

Ma da dove deriva il nome "AGANIS"? Che cosa significa?

Nello specifico deriva dalla parola composta "Lis Aganis" ovvero ninfe che appartengono alla mitologia alpina, conosciute per lo più in Carnia, Trentino e Veneto.
Appassionata di mitologia e sempre alla ricerca, soprattutto per le mie realizzazioni di nomi collegati in qualche modo alla mitologia mi sono imbattuta in queste creature che, documentandomi ho scoperto essere spiriti dalle sembianze femminili riconducibili ad uno dei cinque elementi: l'acqua, elemento molto presente sulle montagne alpine grazie a fiumi, ruscelli e torrenti.

Navigando in rete ho trovato molte rappresentazioni di questi spiriti, alcuni buoni altri meno ma quella che più mi ha colpito è la particolarità che li collega all'uomo. Si narra infatti che queste dolci fanciulle dalle sembianze femminili fossero delle protettrici degli uomini, si occupavano di loro aiutandoli nel lavoro o nell'accudimento dei figli.

Il mito delle ninfe è molto ampio e da quanto ne so ogni ninfa, per le sue caratteristiche aveva poteri e capacità diverse, le ninfe alpine si racconta fossero appunto delle protettrici degli uomini e in alcune zone d'Italia il mito era così forte che si pensava esistessero davvero.

I nomi con cui sono conosciute queste ninfe sono diversi, leggendo su wikipedia si leggono solo alcuni di questi nomi: anguana, agana, carniche, ladine dolomitiche) e presentano caratteristiche anche diverse in base alla località in cui se ne parla.

Il materiale di cui dispongo che narri di queste leggende è molto poco e nel corso di questi anni sto cercando di approfondire questo aspetto, poichè essendo una tradizione del posto, essendo nata e cresciuta in Trentino, ci tengo a voler scoprire questo piccolo lato mitologico del territorio che mi circonda. Molte sono le leggende e le credenze popolari in trentino sia che si parli di gnomi e folletti che abitano i boschi intorno a noi e l'idea delle ninfe possano essere a pochi passi da casa…

Come si inserisce la mitologia in Aganis Web Software? Il mondo mitologico mi affascina da sempre, e mi piace rendere partecipe di questa mia passione anche il mio lavoro. Come vi avevo anticipato prima nel capitolo precedente mi piace utilizzare la mitologia nei miei software ma non vi ho ancora spiegato in che modo.

Provo a darvi un'indizio:
Il mio primo software, nato ancora prima che Aganis Web Software nascesse si chiamava: DIANA
il secondo MERCURY. Ora nel mio "parco programmi" sono presenti: IRIS, OPI e LARA-Jest.

C'è chi mi prenderà per pazza ma sono tutti nomi di dei o ninfe romane o greche, alcuni conosciuti, altri meno che sono in qualche modo sempre riconducibili al "core" del software.

DIANA per esempio, dea della caccia come voi tutti saprete è anche il nome del mio primo software nato nel 2005 per un'azienda che si occupava di tracciabilità delle carni, la cosa può sembrare un pò macabra ma il collegamento è stato proprio la caccia.

MERCURY, mercurio o hermes era la dività, dio del commercio della mitologia greca e romana e questo nome è stato utilizzato per la mia prima versione del software gestionale che si occupara di fatturazione. Esso è stato poi sostituito da LARAJEST il gestionale attualmente in commercio.

LARAJEST è un nome composto da LARA e JEST, ovviamente JEST è una storpiatura di gestionale, mentre LARA e questa è una cosa che su internet difficilmente troverete è il nome di una delle figlie di MERCURIO… interessante vero? Anche LARAJEST in fondo in fondo è figlia di MERCURY.

Bhè questa è la mia curiosità, se volete approfondire il discorso e/o conoscere il significato di altri programmi aganis non dovete fare altri che contattarci oppure lasciare un commento qui sotto.

Se vi è piaciuto l'articolo o lo trovate interessante non dimenticate di condividerlo con i vostri amici!

Francesca Roccabruna


Lascia un commento